Il Wushu si fonda su due pilastri: difesa personale e benessere del corpo. Il praticante di Wushu, dal primo momento che entra nella nostra  scuola (termine preferito al più comune “palestra”) si trova di fronte ad una struttura sociale di tipo familiare, dove il maestro rappresenta il pater familias e gli allievi sono tutti fratelli (i maggiori sono quelli con più anni di pratica alle spalle). Questo sistema gerarchico  fa si che gli allievi imparino il rispetto, la disciplina e sviluppino uno spiccato senso di solidarietà nei confronti del prossimo. La pratica del Wushu soprattutto quando si comincia nell’ età della fanciullezza (5 – 9 anni), assicura lo sviluppo di capacità coordinative superiori rispetto alla media di altri sport, nonché un notevole incremento di rapidità, velocità ed elasticità; questi risultati sono assicurati da uno studio empirico pluricentenario della biomeccanica del corpo che sta trovando sempre più riscontri con studi scientifici moderni. Le metodologie di insegnamento di quest’ arte marziale garantiscono grandi risultati anche al praticante che non inizia da giovanissimo e che è più interessato alla sola difesa personale, poiché tutte le tecniche, intrinsecamente, sono anche esercizi di grande abilità e complessità motoria e prevedono diverse scale di apprendimento: una stessa tecnica infatti può essere eseguita in modi via via sempre più complessi e sofisticati in accordo con la crescita dell’abilità del praticante. Lo studio del wushu prevede, oltre che lo studio di tecniche di difesa personale e di ginnastica, anche la pratica di tecniche con armi tradizionali cinesi. A partire dal secondo o dal terzo anno di pratica, infatti, al nostro  allievo viene spesso introdotto l’uso del bastone e/o della sciabola, che aiutano ulteriormente lo sviluppo delle abilità sopracitate. Lo studio del Wushu è quindi aperto a tutti, non ha preferenze, possono praticarlo bambini, adulti e persino anziani, è infatti un mondo che può rispondere alle esigenze di tutti, bastano solo due condizioni: VOLONTA’ e COSTANZA!